Copia di Copia di Copia di Copia di Senz

CHE COS'È IL DESIGN?

CAPITOLI

Si consiglia di leggere l'intero documento, ma è possibile fare clic sulle seguenti schede per accedere direttamente al relativo contenuto.

 

Cos'è il design? Questa è una domanda davvero complicata e potrebbero volerci interi libri per rispondere, ma qui a insight stiamo cercando di fornire semplicità anche nelle nostre spiegazioni.

Ricorda, semplice non significa semplicistico, quindi faremo del nostro meglio per fornire una buona risposta a questa domanda e allo stesso tempo renderla facile e comprensibile per tutti.

Design è comunicazione, emozioni ed empatia, ma come si ottiene tutto ciò?

 

Iniziamo da una panoramica delle principali aree di progettazione, per avere rapidamente una visione più chiara di questo argomento. Leggi attentamente, poiché vedrai che il design non riguarda solo il disegno e la grafica, in realtà è molto di più!

IL DESIGN È:

(È possibile cliccare sui seguenti pulsanti per accedere direttamente al contenuto correlato)

Copia di Copia di Copia di Copia di Senz
Copia di Copia di Copia di Copia di Senz
Copia di Copia di Copia di Copia di Senz
 

FORME

 

Le forme hanno di certo un ruolo cruciale nel design, tendiamo, infatti, ad associare significati, simbolismi, sentimenti e molto altro a forme diverse.

Generalmente tendiamo ad associare forme e linee squadrate a forza e mascolinità, mentre le forme arrotondate sono solitamente associate ad eleganza, femminilità, classe e così via.

Come potete vedere, la parola "generalmente" è in grassetto e rossa, questo per sottolineare che stiamo parlando, come al solito, di percezioni generali e non di regole o significati infrangibili, teniamo questo ben a mente!

 

Una cosa a cui prestare attenzione, in questo caso, è il grande impatto delle culture. Ciò che per una cultura può significare pace/continuità, per un'altra potrebbe essere ostile per motivi che potreste ignorare e questo potrebbe distruggere il potenziale del Vostro design! Ad esempio, la "linea a zig zag", per molti significa "rotto/minaccia", ma per una popolazione indigena del Nord Europa, significa "unione"!

 

 

-> Puoi leggere molto di più sulle forme QUI (presto disponibile) ! <-

 

 

Copia di Copia di Senza titolo 23.png

COLORI

 
Copia di Copia di Senza titolo 19.png

Abbiamo appena spiegato l'influenza delle forme in un design e una cosa analoga vale per i colori. Forse in modo ancora più diretto, tendiamo ad associare i colori ai sentimenti. Inoltre, l'uso di pochi colori è solitamente inteso per disegni più formali, mentre l'uso di molti colori diversi è associato a disegni giocosi, principalmente per bambini o giovani. Come sempre, queste sono linee guida generali, ma a seconda della situazione potrebbe essere vero qualcosa di diverso!
 

Allo stesso modo delle forme, abbiamo la tendenza ad associare colori diversi a significati e sentimenti diversi . Il più delle volte i colori brillanti sono associati a sentimenti più positivi , mentre i colori più scuri tendono alla negatività, i colori chiari sono eleganti, i colori semplici e forti sono affidabili, forti e così via

 

Anche in questo caso, come per le forme, sarà necessario prestare attenzione ai significati culturali dei colori: due dei colori fuorvianti più famosi sono il nero e il bianco (ma non solo!): La maggior parte delle persone tende ad associare il il bianco con la pace e la purezza e il nero con la tristezza o il lutto; in molti paesi però, soprattutto in Asia, è vero il contrario!

-> Puoi leggere molto di più sui colori QUI (presto disponibile) ! <-

 

 

SPAZI

 
Copia di Copia di Senza titolo 20.png

Quali sono questi segni qui sopra?

Perché non abbiamo iniziato a scrivere proprio sotto al titolo?

Qual è il ruolo dello spazio nel design?

Cos'è uno spazio negativo?

 

Ora che abbiamo abbastanza domande, possiamo iniziare a discutere tutti questi punti e comprendere meglio l'uso dello spazio nel design.

Quando progettate un design, non state solo mettendo insieme forme e colori, state considerando la funzionalità del tutto e la "leggibilità" è una parte imponente della "funzionalità"; questo significa che dovrete usare saggiamente lo spazio come parte integrante del Vostro design !

Quando diciamo "spazio", intendiamo più di una cosa, dobbiamo ad esempio prendere in considerazione attentamente lo spazio tra una forma/parola e un'altra; abbiamo quindi lo spazio all'interno di una forma; lo spazio tra i diversi design, come influenzerà la differenziazione dei due diversi significati di questi design?

Abbiamo bisogno di spazio per avere una buona leggibilità dell'intero design, ma troppo spazio porterà, di fatto, all'effetto opposto! I segni sotto il titolo sono solo un esempio della distanza che abbiamo deciso di mantenere tra titolo e corpo principale del testo; abbiamo preso questa decisione in virtù della leggibilità, nonché per una evidente distinzione  tra un argomento e il successivo.

 

Ad esempio, anche nella progettazione del logo occorre considerare con attenzione non solo gli spazi che compongono il logo, ma gli spazi attorno al logo sono fondamentali per tenerlo al riparo da interferenze esterne alla leggibilità dello stesso; quando consegniamo un logo, dobbiamo quindi specificare quanto spazio intorno ad esso consigliamo per un risultato ottimale.

 

Lo spazio può anche dare direzionalità e può suggerire la gerarchia in un progetto (maggiori informazioni a riguardo più sotto in questa pagina): usando gli spazi possiamo suggerire cosa leggere prima, cosa dopo, qual è l'argomento principale e cosa è un'informazione secondaria e così via (ulteriori modi per gestire la gerarchia sono discussi nel capitolo specifico).

 

Nella progettazione grafica, anche gli spazi negativi sono importanti: grazie a questi possiamo suggerire forme, parole e significati che di fatto non ci sono; questo è un buon modo per rendere un design più interessante, funzionale e memorabile!

 

Ecco un esempio di spazio negativo che abbiamo usato in un logo, seguito da una breve spiegazione:

Copia di Copia di Copia di Senza titolo
LOGHI DA CARICARE_0028_Sfondo.jpg

Come vedete nella prima sequenza di immagini, abbiamo voluto includere in un'unica forma il concetto di camping e falò, suggerendo anche la "A" di "Artico".

 

Iniziando da un semplice triangolo, abbiamo sottratto la forma di un falò stilizzato e abbiamo ottenuto un fuoco davanti a una tenda, si percepisce inoltre una "A" maiuscola.

Qui lo spazio negativo è il fuoco, una porzione non effettivamente disegnata nel logo, ma chiaramente visibile.

 

Concludiamo ribadendo l'importanza dello spazio in un design e rimandandoVi ad ulteriori approfondimenti gratuiti disponibili!

 

TIPOGRAFIA

Copia di Copia di Senza titolo 22.png

 

La   T i p o G ra f i a  É   i M P o r t A N te

Non è un titolo davvero piacevole da vedere questo, non è vero? Ma perché non lo è?

Beh, ovviamente abbiamo esagerato un po' in stravaganza per chiarire quanto la tipografia sia importante, vediamo quindi insieme come trattare la tipografia, cosa significa effettivamente e perché, a volte, anche questa tipografia folle potrebbe essere in realtà utile per qualche design!

 

Si potrebbe pensare che la tipografia riguardi solo il font, ma non è assolutamente così! I font ne fanno indubbiamente parte, ma di certo si ha molto altro da considerare oltre alla scelta di questi.

Ad ogni modo, la scelta del font giusto è fondamentale per il design e va resa ben integrata con il messaggio che si vuole trasmettere: non importa se si stia scegliendo un font per un logo, per il design di un volantino, per un documento, per un sito web e così via; la cosa principale è che quel carattere trasmetta il messaggio e l'atmosfera che si vuole trasmettere:

Eleganza

SICURezza

Classicità

stile antico

G I O I A

MODERNITÀ

 

e tanti altri ...!

 

Come vedete il font può, già di per sé, consegnare un messaggio e potete anche notare che, per questi esempi, abbiamo utilizzato anche colori diversi (per saperne di più sui colori: clicca qui).

Per i design potrete scegliere fonts classici, personalizzati, scrittura a mano o qualsiasi cosa pensiate si adatti meglio al Vostro progetto, la cosa più importante da tenere a mente è che non dovrete usare qualcosa che sembri carino per il Vostro gusto, ma dovrete pensare al focus e al target del design.

 

In questa fase, tenete presente anche che l'uso di lettere maiuscole, corsivo, grassetto e corsivo può offrire una sensazione molto diversa al pubblico.

Di solito, lettere maiuscole e caratteri in grassetto, offrono un'estetica più "mascolina" e diretta, mentre corsivo e italic una più elegante e di classe. Forme insolite, caratteri colorati, offrono gioia e giocosità, mentre font eleganti, sottili e monocromatici sembrano più moderni, maturi e seri.

 

Anche i caratteri Serif e Sans Serif hanno la loro importanza: Serif sono fondamentalmente quei caratteri con la piccola "linea ornamentale" alla fine dei tratti di una lettera, mentre i Sans serif non la hanno. Questo è un esempio di Serif vs Sans Serif in cui evidenziamo i tratti appena menzionati:

Senza titolo 61.png

Un font Serif comunica raffinatezza, glamour: è classico; uno Sans Serif è più alla mano, amichevole, accessibile, ma allo stesso tempo elegante.

 

Qualunque sia il tipo di scrittura che scegliete di utilizzare, dovete anche considerare la spaziatura tra lettere, parole e linee, ovvero: crenatura (kerning), interlinea (leading) e spaziatura (tracking).

La crenatura è lo spazio tra le lettere, l'interlinea è lo spazio tra le linee di testo e la spaziatura è la distribuzione generale dello spazio di un testo (qualcosa di simile al "giustifica" nei file di testo).

La maggior parte delle persone potrebbe pensare che lo spazio tra le lettere in una parola sia sempre coerente, ma non lo è, e il motivo principale è la leggibilità. A volte è bene avere una spaziatura costante, a volte potreste preferire una distanza visivamente più equilibrata; questo aspetto va sempre considerato nella creazione di un testo! (Troverete di più sull'allineamento visivo più avanti alla voce "Organizzazione").

Qui un esempio di kernel fisso e variabile:

Senza titolo 62.png

Come vedete, nella versione "custom", la distanza tra le lettere è quasi sempre diversa, mentre nella versione "fissa" è costante. Non c'è una scelta migliore dell'altra, dipende dal singolo caso, scegliete con saggezza!

 

Un altro aspetto da considerare, quando creiamo caratteri personalizzati, è anche lo spessore e lo stile delle lettere stesse: ci sono diverse "regole" che possiamo seguire, pur con possibili eccezioni; alcune di queste regole sono, ad esempio:

 

- lo spessore dei tratti verticali è solitamente maggiore di quelli orizzontali

- l'angolo di una lettera in corsivo dovrebbe essere costante

- l'altezza delle singole lettere potrebbe essere diversa per ragioni di percezione ottica

 

Ultimo ma non meno importante, dovete essere coerenti: questa è una sorta di regola generale per tutto, decidete quale impostazione darvi e seguitela durante tutto il Vostro progetto; questo darà al Vostro design un aspetto maggiormente professionale, offrendo risultati più efficienti.

 

ORGANIZZAZIONE

Copia di Copia di Senza titolo 26.png

State lavorando a un progetto, Vi vengono in mente alcune buone idee, iniziate a disegnare e a perfezionare il tutto. Avete dimenticato una cosa da fare prima, come organizzare il Vostro design .

Sì, prima di tutto, dovreste almeno pensare a come organizzerete il Vostro design, quindi iniziare a crearlo attraverso schizzi e prove! In questo modo, avrete già un'immagine di ciò che vorreste ottenere e avrete un motivo per questo, un piano. Ovviamente potrete sempre evolvere e cambiare quel piano in seguito, ma questo è un buon modo per iniziare a lavorare.

Quindi, cosa considerare quando organizzate il Vostro design? Ricordiamo innanzitutto che quando parliamo di un design, non parliamo solo di disegnare un logo o qualcosa di esclusivamente grafico, ma stiamo valutando tutte le possibilità progettuali (potete trovare informazioni più approfondite in merito nel relativo capitolo).

Ora possiamo vedere alcuni esempi di ciò di cui dovreste occuparvi quando organizzate il Vostro design:

1) Gerarchia: visiva e sequenziale

2) Dimensioni dei componenti

3) Scelta dello schema di colori

4) Allineamento: al pixel o visivo

 

Iniziamo con un semplice chiarimento: gerarchia significa priorità; dobbiamo dare la priorità a ciò che consideriamo centrale nel design: rendere facile e naturale, per chi osserva, seguire la sequenza di informazioni nell'ordine desiderato. Usando la gerarchia sequenziale, semplicemente mettiamo un concetto in cima al design, uno sotto e così via, aspettandoci che le persone leggano dall'alto verso il basso. Questo funziona spesso, ma non è necessariamente la soluzione migliore. Potremmo allora usare una gerarchia visiva, affidandoci quindi a tecniche per "invitare" gli occhi dell'utente verso un contenuto prima di un altro.

 

Ecco un esempio dei due stili, mostrato su un'ipotetica copertina di rivista:

GERARCHIA SEQUENZIALE

Copia di Copia di Senza titolo 18.png
Senza titolo 65.png

Percorso di lettura naturale

GERARCHIA VISIVA

Senza titolo 64.png
Senza titolo 63.png

Percorso di lettura indotto

Come vedete, anche questo tipo di organizzazione visuale è una parte cruciale del design, oltre a tutta la parte grafica dello stesso.


Possiamo trarre vantaggio da questi esempi per spiegare brevemente il secondo punto della nostra lista: la dimensione. Queste due ipotetiche copertine includono due diversi fonts di dimensioni diverse; abbiamo ottenuto questo ridimensionando il carattere, ovviamente, nonché usando il grassetto. Solo modificando queste caratteristiche possiamo già indirizzare l'attenzione dei lettori su una o l'altra area della copertina; si capisce quindi quanto sia potente questo fattore apparentemente minore.

La ragione per cui diciamo l'ovvio, per alcuni almeno, è per un motivo che non tutti considerano: se in un certo senso questo può aiutarVi ad evidenziare qualche elemento, in molti casi questo può avere un effetto collaterale che, se non notato all'inizio, può rovinare l'intero design; prestate molta attenzione a questi dettagli nel pianificare dei Vostri progetti!

Il terzo punto nella lista sono i colori: anche se le copertine di queste riviste sono solo un esempio, abbiamo seguito lo schema di colori principale di Nevra Arts e abbiamo giocato con le sfumature per rendere un area primaria rispetto ad un'altra. I colori più scuri hanno attirato la Vostra attenzione prima dei colori più chiari, anche i contrasti possono infatti essere usati per evidenziare una certa parte di un design.

L' allineamento è, infine, un aspetto visuale da considerare per rendere il design più bilanciato e più piacevole alla vista. Lavorando con software vettoriali (e altri software di progettazione grafica) siete molto spesso attratti dall'allineamento perfetto al pixel, non nascondiamolo!

È questa sempre e comunque l'opzione migliore? Possiamo sicuramente dire che non è così e possiamo fare un esempio molto semplice e veloce, sempre utilizzando le nostre riviste: date un'occhiata alla seguente immagine e diteci quale delle due è più gradevole ed equilibrata:

Copia di Senza titolo 34.png

QUALE PREFERITE?

 

Siamo abbastanza sicuri nel dire che Vi sia piaciuta di più la seconda immagine tra queste due. Sappiamo che sembra più equilibrata della prima, ma perché accade questo? Vediamo qui sotto cosa è successo.

Copia di Senza titolo 33.png

Da osservare che la prima immagine è centrata al pixel (in verticale e in orizzontale, ma per questo esempio ci concentreremo sull'allineamento orizzontale): ciò significa che i pixels a sinistra e a destra del numero, sono esattamente gli stessi da entrambi i lati. Questo è, in teoria, il miglior equilibrio possibile.

 

Perché non è così allora? Il nostro cervello ci fa molto spesso correggere ciò che osserviamo, bilanciandole per la nostra semplicità visiva e per coerenza. Nella seconda immagine, infatti, il numero è leggermente spostato verso sinistra, per renderlo visivamente allineato; il numero di forma non simmetrica, in questo caso, beneficia di questo allineamento molto più di quello pixel perfect, come spesso nel caso di forme asimmetriche, ma non solo.

Abbiamo così raggiunto anche la fine di questo capitolo sull'organizzazione nel design, speriamo Vi sia stato utile e vi invitiamo a continuare a leggere  per imparare ancora di più sul design!

 

COERENZA

Copia di Copia di Senza titolo 21.png

Non lo sottolineeremo mai abbastanza, la coerenza è un punto fondamentale per un buon design, ma dobbiamo chiarire un po 'meglio cosa intendiamo con questo, in modo da evitare malintesi.

 

La maggior parte di noi interpreterà "coerenza" con "ripetizione" delle stesse cose e questo è sbagliato, ma capiamo perché questo accade e proviamo ora a chiarirlo.

Quando lavorate su un design, potreste farlo per un business, o potreste farlo per un singolo "evento" e questo porta differenze nel modo in cui progetterete la Vostra coerenza.

Per un brand, sia che esista già, sia che stiate creando un'identità visiva per un nuovo brand, il risultato è lo stesso: dovrete decidere quale sarà un tratto distintivo affinché quel marchio sia unico e potrete usare:

 

- un insieme di colori/sfumature

- un insieme di forme e simboli

- un set di caratteri

- un insieme di parole chiave

Generalmente, è una buona cosa non utilizzare una varietà troppo ampia per un singolo progetto, poiché creerà confusione e sarà difficile ottenere una riconoscibilità per uno specifico progetto.

Ci sono casi in cui potreste voler/dover fare eccezione a ciò (ad esempio se lavorate ad un design per un produttore di giocattoli, potreste volere un'ampia selezione di colori) ma in questo caso dovrete mantenere tale eccezione coerente! Ciò significa, nell'esempio dei giocattoli, che manterrete questa selezione di colori costante per l'intero progetto.

 

Nella maggior parte dei casi, se state lavorando per un marchio esistente che non è alla ricerca di un rebranding, avrete anche accesso alle risorse del loro brand, saprete quindi facilmente da dove iniziare e con cosa lavorare.

Se lavorate per un singolo evento, dovrete concentrarVi su ciò che renderà il design speciale ed efficiente per quell'evento specifico, non siete vincolati a un insieme specifico di elementi preesistenti, ma dovrete comunque mantenere una certa coerenza interna; sarà bene fare qualche ricerca su quel campo specifico, ed evitare comunque di utilizzare troppi stili differenti, che creeranno comunque inutili e controproducenti confusioni.

 

FUNZIONALITÀ

Copia di Copia di Senza titolo 27.png

È vero che più un progetto è complesso da realizzare, meglio è?

Possiamo misurare le capacità di un designer da quanta complessità grafica è in grado di produrre?

 

Possiamo rispondere "no" ad entrambe le domande. Ciò non significa che riuscire a produrre qualcosa di complesso sia inutile o che non sia mai richiesto, significa piuttosto che quando valutiamo un progetto non dobbiamo concentrarci su questo aspetto, quanto più concentrarci sulla sua funzionalità .

 

Quando un design è funzionale?

 

Questo è semplice: quando funziona bene con il minimo sforzo possibile per l'utente.

Come raggiungere quel risultato è la parte difficile, ma qui possiamo esaminare alcune idee potenzialmente buone:

 

1) Fate ciò che è utile, non ciò che vorreste: se dovete produrre un design per l'azienda di giocattoli del nostro precedente esempio, è inutile mostrare le Vostre capacità nel produrre un design elegante, sofisticato e classico; dovreste concentrarVi sul Vostro target, bambini e famiglie, studiare il mercato e produrre ciò che è attraente per loro!  

2) Fatelo facilmente "leggibile" : questo è anche chiamata ergonomia cognitiva, come abbiamo detto, i Vostri utenti target devono recepire facilmente il Vostro messaggio con il minimo sforzo possibile, deve essere subito chiaro cosa volete comunicare. Non perdete tempo a complicare le cose perché Vi piace!

 

3) Fate quello che potete, non quello che vorreste poter fare: non iniziate mai a fare qualcosa che non pensate di poter portare a termine nel modo migliore possibile, siate onesti, rifiutate i lavori che non potete fare! E se pensate di poterlo fare ma notate, solo a progetto iniziato, di non riuscire a produrre ciò che credevate, comunicate immediatamente i Vostri piani al cliente, vedete se è possibile fornire una valida soluzione e, in caso contrario, siate professionali e fermate lì quella collaborazione, per evitare uno spreco di risorse per entrambi.

EFFICIENZA

 
Copia di Copia di Senza titolo 24.png

Se prendete un dizionario, troverete la descrizione dell'efficienza come la capacità di produrre qualcosa con il minimo spreco.

 

In design potremmo dire lo stesso, se si produce un buon design, si produce solo ciò che è necessario per lo scopo di esso, niente di più.

 

L'efficienza riguarda tutto ciò di cui abbiamo discusso. Se tutto ciò che fate segue un flusso organico, è facile, piacevole per gli utenti, se dice ciò che ha da dire e niente di più, senza distrarre dall'obiettivo principale del design, avrete fatto un buon lavoro!

 

L'efficienza è legata alla funzionalità del progetto e, come una cascata (o una "valanga"), parte da un piccolo dettaglio e ne porta con sé molti altri, in un effetto a catena  sempre molto preciso e travolgente per gli utenti.

CONSAPEVOLEZZA

 
Copia di Copia di Senza titolo 25.png

Quando parliamo di consapevolezza in un design, parliamo anche di quanto sia riconoscibile, essendo unico per un brand e soltanto per quello. Un buon design deve essere unico per loro e per le loro esigenze.

 

L'azienda o il professionista che Vi contatta per un design, sta cercando qualcosa su misura e su misura per quella specifica attività/evento/caso .

L'obiettivo principale del Vostro lavoro è rendere un design riconoscibile tra tanti e tanti altri, in un mondo molto competitivo, ed è qui che dovreste focalizzare i Vostri sforzi.

 

Non vogliamo utilizzare disegni che non siano prodotti da Nevra Arts qui, ma per fare un esempio molto semplice mirato a rendere molto chiaro questo punto, vorremmo farVi pensare al logo Nike: sapete che è semplicissimo eppure immediatamente riconoscibile praticamente da tutti!

 

In un mondo in cui milioni di persone vivono e usano i designs, la riconoscibilità è molto difficile da ottenere, probabilmente la parte più difficile di un design, quasi impossibile, ad essere onesti!

Ma è solo quasi impossibile, non impossibile e questa è la parte buona.

 

Ovviamente colori, sfumature, forme, fonts e tutto il resto di cui si è discusso non sono letteralmente infiniti, dovrete quindi usare la combinazione di tutti questi fattori per arrivare a quell'unicità a cui dovreste sempre mirare.

 

Inoltre, c'è qualcosa di sempre unico senza alcuno sforzo, il Vostro stile!

 

Per questo motivo dovreste sempre proporre il Vostro lavoro e i Vostri prodotti per quello che sono, onestamente, senza cercare di essere qualcun altro, magari perché Vi appare già "arrivato".

 

 

CONCLUSIONE

In conclusione, come riassumere tutto questo in modo semplice?

Potremmo dire che il design è una combinazione di fattori, sia pratici che teorici che, messi insieme, funzioneranno precisamente per uno scopo.

 

Lo sforzo principale per un designer dovrebbe essere quello di mirare sempre all'unicità, all'efficienza e alla funzionalità e per rendere questo facile e il più veloce possibile nell'ottenere l'effetto che ci viene chiesto di ottenere.

 

Ci vogliono tempo, prove e grandi mal di testa a volte, ma ne vale la pena, quando si vede che alla fine ci si riesce!

 

Ci sono migliaia di risorse là fuori, incluso Nevra Arts Insight, che possono aiutarti a trovare informazioni utili, diverse prospettive, punti di vista in evoluzione e tecnologie da utilizzare.

 

La pratica e il duro lavoro sono sempre necessari, non temete singoli eventi infruttuosi, in quanto saranno comunque stati una valida esperienza positiva per noi per imparare qualcosa.

Speriamo che questo contenuto Vi sia stato utile, ci è voluto molto tempo per mettere insieme tutto questo e per produrre ogni singola grafica per questa pagina e per tutte le altre!

 

Ricordate, tutti questi contenuti sono GRATUITI PER TUTTI, ma costano tempo, denaro e sforzi per essere prodotti, quindi, se trovate questi contenuti validi, ricordate di condividerli sui Vostri social media per rendere i nostri sforzi utili, e per aiutarci a migliorare e produrre contenuti migliori e sempre aggiornati!

 

Continuate a leggere Insight, abbiamo sempre in programma di aggiungere altri contenuti, così che troverete sempre qualcosa di nuovo o aggiornato!

 

Inoltre, non dimenticate di inviarci una mail se volete dirci o chiederci qualcosa sul design, o se trovate qualche bug/errore su questo sito, grazie per il Vostro prezioso supporto !

© 2008-2021 by NevraArts ®; Org. nr. : 912 624 757

  • Instagram photo
  • Facebook Classic
  • Instagram Graphic Design